Spedizioni gratuite sopra i 50euro!
Spedizioni gratuite sopra i 50 €
Set di fasce in omaggio con ordine sopra i 200 €
Call
+1 111 111 1111
Contact
shop@example.com
Store info

Mon-Fri, 9am-5pm

Directions

1005 Langley St

Victoria, BC V8W 1V7

1005 Langley St

Victoria, BC V8W 1V7

Mon-Fri, 9am-5pm

L'outfit da gara. E tu come ti vesti?
·

L'outfit da gara. E tu come ti vesti?

·

Nell’immaginario l’equitazione rappresenta da sempre la quintessenza dell’eleganza nello sport.

Lo era in passato con i cavalieri- di nome e di fatto- che sfilavano nelle loro altisonanti divise, lo era con le dame che montavano in sella con le gambe posizionate nella stessa parte per non far alzare le vaporose gonne e lo è oggi nell’epoca moderna del tutto -o quasi- è concesso.

Uno stile che diventa un marchio di fabbrica di una disciplina che negli anni ha saputo andare al passo con i tempi, diventando oggi più tecnologica e funzionale senza tralasciare mai l’aspetto glamour.  Ma se si parla di disciplina e non di hobby o di cavalieri della domenica allora si deve parlare anche di regolamento e di ciò che si può fare e dei limiti da seguire. Sì, perché l’evoluzione e la funzionalità non devono travalicare il muro del buongusto o del non ammesso;  poche regole e qualche consiglio per non sbagliare perché diciamolo: non c’è niente di peggio di presentarsi ad una festa, pardon, in gara, con il look sbagliato. 

Una volta era molto semplice: giacca nera, blu o rossa, pantaloni bianchi o beige, stivali neri, con o senza bordo bordeaux, camicia bianca con plastron per le donne e cravatta per gli uomini cap in velluto nero o blu. Poi c’erano i rappresentanti dei vari corpi ma, ieri come oggi , è un discorso a parte. Adesso i giochi si fanno più complicate: i cap vantano colori, sfumature, stampe e dettagli di ogni tipo e  colore, le giacche sono sempre più aderenti e performanti ma anche variopinte, per non parlare delle camicie o degli stivali che lasciano libera interpretazione alla fantasia. E questo riguarda l’abbigliamento per amazzoni o cavalieri, poi c’è il vasto mondo di sottosella, stinchiere e cuffiette che ogni cavallo “spesso" è costretto a sopportare.  Bene allora facciamo un ripasso di cosa di può e si deve indossare in gara o durante la ricognizione del campo e premiazione. 

Partendo dalla giacca: sono ammessi i colori nero, bleu chiaro o scuro, grigio chiaro o scuro, rosso, bordeaux, marrone, verde. Possono tuttavia avere profili di colori differenti e anche colletti, revers, pattine delle tasche. Essere tinta unita o con leggere righe in tono. La giacca ricordiamo inoltre che è obbligatoria nel periodo invernale che va dal 1 ottobre al 30 aprile, e per i concorsi internazionali,

Per i pantaloni abbiamo due uniche opzioni e dobbiamo adeguarci: bianchi o beige.

Si amplia invece il discorso per le camicie o polo: ovviamente bianca o di colori tenui, se indossata senza la giacca, se invece viene portata d’inverno basta che abbia il colletto bianco. Accettata sia con manica lunga o corta e con logo dello sposnor .

Cravatta o plastron bianco: ad eccezione delle amazzoni che indossano
pistagnina.

Per quanto riguarda l’uso del cap, che è obbligatorio, va sempre allacciato quando si monta sia in campo prova che in gara o in premiazione. Ammessi tutti i colori e i materiali ma anche in questo caso ricordiamoci dell’eleganza.

Argomento stivali:  neri o marroni con o senza risvolto. Gli stivali possono essere sostituiti da stivaletti con ghette in pelle nera purché non scamosciata. Gli stivali e gli stivaletti devono avere il tacco. Consentiti arricchimenti luminosi come brillantini Swarovski.

Le giacche impermeabili o smanicate devono essere autorizzate dalla giuria solo in caso di condizioni avverse ma anche in questo caso, non ci si potrà certo presentare in campo con un piumino fluorescente più adatto ad una discese dalle piste di Cortina.

Sui colori ammessi per il cavallo, anche se non ci sono vere e proprio regole, vige invece la regola del buonsenso e del buongusto. Ovviamente sono ammessi  sottosella e cuffiette con colori della scuderia, del Comitato o loghi dello sponsor.